Nuove tecnologie e non solo...

Tim si prepara al 5G

E’ ormai ufficiale, Torino nel 2018 sarà la prima città in Italia a ricevere la copertura del segnale 5G. A poter sfruttare la nuova tecnologia saranno per ora solo 3mila fortunati clienti Tim, che fungeranno da test per la rete.

La nuova tecnologia permetterà la connessione di più dispositivi contemporaneamente, oltre ad aumentare la velocità della connessione stessa. Il 5G sarà quindi anche la tecnologia dell IoT ( internet delle cose ) che permetterà di connettere più dispositivi contemporaneamente, introducendo nello stesso tempo anche una corretta indicizzazione degli indirizzi ip grazie alla tecnologia IPv6.

Nel frattempo però l’evoluzione continua, e già oggi lo stesso operatore ha introdotto una nuova tecnologia per velocizzare l’attuale rete telefonica.

vRNA, acronimo di Vitual Radio Access Network, è una tecnologia sviluppata in collaborazione con Altiostar e serve a migliorare gli attuali servizi 4G LTE di TIM.

L’architettura vRAN è costituita da apparati radio di ridotte dimensioni e a basso consumo, collocati nei pressi delle antenne e collegati attraverso la rete Ethernet agli elementi di elaborazione del segnale. In questo modo  i  nuovi apparati possono essere posizionati in sedi remote e virtualizzati su server e non più su hardware dedicato, alleggerendo così il lavoro sulle apparecchiature delle antenne e aumentandone allo stesso tempo la longevità.

Inoltre la scalabilità, la flessibilità e gli algoritmi aperti a terzi per lo sviluppo, permetteranno di gestire al meglio l’aumento del traffico grazie all’introduzione della nuova funzionalità SON ( Self Organizing Network ).

Tutte queste sono ottime notizie, sopratutto per tutti coloro che vivono in zone in cui magari la linea ADSL non è ancora arrivata, o se c’è ha una velocità veramente bassa e purtroppo queste zone sono ancora veramente troppe in Italia.

Next Post

Previous Post

Leave a Reply

© 2022 NonSoloMobile

Theme by Anders Norén

Follow by Email
YouTube